• diorami
  • tassidermia celleno
  • diorami animali

Tassidermia

cenni storici

Con il termine "tassidermia" (dal greco "taxis", ordinamento o conservazione, e "derma", pelle) si indica la tecnica mediante la quale vengono preparati gli animali, trattandone opportunamente le pelli, al fine di consentirne la conservazione, basata sul mantenimento della forma e dei caratteri di ogni specie e nel rispetto dei rapporti con lo scheletro. È importante non confondere tale tecnica con l’imbalsamazione o la mummificazione.

 

La prima, metodo conosciuto e praticato già dagli antichi egizi, prevedeva l’uso di sali, unguenti, oli profumati e resine e l’asportazione solo di alcuni organi interni. La mummificazione invece è un processo che può essere innescato dall’uomo, oppure il frutto di particolari condizioni climatiche a seguito della deposizione di un corpo in un ambiente molto secco (si pensi ai ritrovamenti di soldati dei faraoni nel deserto egiziano).

 

Un altro termine correlato ma non corretto è impagliatura, derivante dal fatto che all’inizio, specialmente per la preparazione di rettili da esporre nei “gabinetti degli antiquari” del 1700, le imbottiture utilizzate per ridare loro la forma erano realizzate con la paglia, materiale che permetteva preparazioni sommarie e poco accurate, avendo inoltre il difetto di essere facilmente attaccabile dai parassiti che, a lungo andare, potevano aggredire la pelle stessa.

 

La tassidermia è un’arte relativamente moderna che nasce nel 1600 utilizzando tecniche rudimentali ed incapaci di una conservazione realmente duratura, ben lontana da quello che è diventata oggi. Rispetto alle pratiche originarie, nel corso degli anni, non ci si accontentò più di riempire la pelle con imbottiture ma, costruito un sostegno o un’impalcatura adatta, si plasmava su questo, con l’aiuto di creta o plastilina, un modello del corpo dell’animale, che ne riproducesse fedelmente le forme. Su questo in seguito veniva stesa la pelle, facendola aderire in modo tale da risaltare fedelmente la plastica del corpo.

 

Attualmente si preferisce utilizzare dei manichini in poliuretano.

FASI DI LAVORAZIONE

ANIMALI DOMESTICI

SCHELETRI

TROFEI BIANCHI

RESNATURAE TASSIDERMIA | SNC, Strada Bagnorese - 01020 Celleno (VT) - Italia | P.I. 01907850562 | Cell. +39 388 7761736   - Cell. +39 380 7708991 | giuseppefontecedro@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy